Una Juve “too strong” batte 3-1 il Fulham

Peccato. Mancava  solo il colpo del K.O. definitivo.
Anzi, sul più bello l’avversario ha trovato un fortunoso goal che ha un po’ innervosito la Juventus, tuttavia la prova di quanto sia stata positiva la gara di ieri sera arriva dalla stampa inglese:
” la Juventus si conferma un avversario difficile da battere” scrivono i cronisti britannici da Torino.
3-1 finale, ampie speranze di passare tranquillamente il turno a Londra.
Alcuni di loro sembrano sinceramente ammirati, al punto che verrebbe da chiedermi quante partite di serie A abbiano seguito quest’anno…
La chicca è senza dubbio il titolo dell’Indipendent, che addirittura incorona Jonathan Zebina come eroe della gara: “troppo forti”, lui e la Juventus, per il Fulham di Hogson.
In effetti lo Zebina di ieri sera è stato una rarità. Non solo per il bellissimo sigillo, una serpentina tra i difensori avversari conclusa con una poderosa staffilata in diagonale, ma perché per l’intera partita non ha sofferto e ha continuato a spingere. Sembrava proprio un giocatore di calcio. Di più, un difensore della Juventus e non solo un gallerista milanese di passaggio per l’Olimpico come al solito.
Bene anche Nicola Legrottaglie, l’attaccante aggiunto che ha sbloccato il risultato ad otto minuti dall’inizio. Tutti si aspettavano le ire funeste dello stangone del Fulham, 1.95, e invece di testa ci ha pensato subito lui, Nicola da Gioia del Colle.
L’unica nota dolente di una squadra ampiamente sopra la sufficienza è arrivata da Diego. Nessun disastro, per carità, ma tanto fumo e niente arrosto. Pazienza (per ora!).
Pacca sulla spalla invece a Vincenzo Iaquinta. Lui è “appena tornato” per davvero e la voglia di riprendere a far bene mi è sembrato non gli mancasse.
Che vogliamo dire invece del solito Trezeguet? Decima stagione in forza alla Juventus, un vecchietto che continua a segnare di rapina a piede armato. Come d’altronde ha sempre fatto.
Infine mi sembra doverosa la nota di merito per Mr. Zaccheroni che nonostante l’annata storta, in cui non si dovrebbe buttare via niente, a fine gara è arrivato davanti ai microfoni dei cronisti quasi rabbuiato per non aver chiuso il discorso qualificazione già ieri sera.
Forse, lo spirito Juventus non si è dissolto del tutto.

 –  Juventus Blogger’s Corner, 12/03/2010

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Sport e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.