Kamikaze-Juve: contro il Siena da 3-0 a 3-3

Quest’anno all’Olimpico di Torino succedono cose turche. Compri un biglietto per vedere una partita di calcio e ne vedi due. La prima è esaltante, spettacolare, strepitosa. Si vince per 3-0 con doppietta di Del Piero e gran gol di Candreva da fuori area. Saltelli in tribuna e cori per i 300 gol in carriera raggiunti e superati dal Capitano. Entusiasmo alle stelle: “ora riprendiamo l’Inter!”.
Unico problema: questa partita dura solo 10 minuti.
La seconda partita invece di minuti ne dura 83 e putroppo è tutto un’altro film. Il Siena, sotto di 3 reti non si rassegna, spinge, ci crede. Al 16′ segna Maccarone infando senza problemi la riserva… del portirere di scorta: Antonio Chimenti. Non è solo un episodio, e si capisce qualche minuto dopo: al 22′ Felipe Melo salva sulla linea l’inzuccata di Pratali. Qualche tifoso, davanti alla tv cme sugli spalti, intuisce che sia l’inizio dell’ennesimo incubo stagionale e infatti nella ripresa le cose per i bianconeri di Torino peggiorano. Chimenti barcolla e alla fine molla: diagonale velonoso di Maccanone, palo, ribattuta vincente di Ghezzal. La Juventus è allo sbando. C’è da fare uno sforzo di ragionamento inaudito per realizzare che non stiamo prendendole dal Machester Utd ma dal Siena, fanalino di cosa della serie A. Un avversario comunque da rispettare già prima di scendere in campo, un rispetto che si tramuta in paura quando i toscani cominciano letteralmente a prenderci a pallate: Tsiolis lascia partire un siluro dal limite, Chimenti è battuto come al solito, ma per fortuna il pallone si infrange tra palo e traversa.
Malesani in panchina grida come un indemoniato. Zaccheroni invece ha gli occhi fuori dalle orbite, assumendo vagamente nel finale le sembianze di a Peo Pericoli: “Caroooogne!”
Al 73′ minuto capita l’ineluttabile: fallo ingenuo di Grygera su Maccarone, rigore, gol di Ghezzal. Che dire? Complimenti sinceri al Siena, una squadra che ci ha creduto fino alla fine. Per quanto riguarda invece la Juve a corrente alternata di quest’anno, forse è già stato detto tutto da ben più esperti cronisti sportivi. Verrebbe da aggiungere unicamente le solite considerazioni emozionali del tifoso qualunque sulla quella gloriosa maglia portata indegnamente da alcuni giocatori, oppure sulla dirigenza di Blanc e compari, che a questo punto rischia seriamente di essere ricordatata per l’annata peggiore di tutti i tempi. Ma dopo partite del genere tutto è assurdo. Ci si sente solo un po’ idioti per aver sprecato due ore a fissare un rettangolo verde, in questo bel pomeriggio di sole.

 – Juventus Blogger’s Corner, 14/03/2010

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Sport e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.