Il Popolo Viola a Roma per il No-B Day (Pagina)

Ci saranno anche molti piemontesi tra la gente che sabato 2 ottobre parteciperà al No Berlusconi Day 2 di Roma. Una manifestazione organizzata dal Popolo Viola «contro il regime e per la Costituzione». Il ritrovo avverrà domani sera alle ore 23 in piazzale Caio Mario a Torino, davanti alla Fiat Mirafiori. Da lì, con 40 euro e circa sette ore di viaggio in pullman, i Viola piemontesi sbarcheranno di buon mattino nella Capitale. La modifica dell’attuale legge elettorale, una nuova legge sul conflitto di interessi e la richiesta di elezioni anticipate, saranno i temi trattati in questo secondo No B-Day che si propone di bissare il grande successo del 5 dicembre scorso. Un evento nato dal basso, che era riuscito nell’intento di portate in piazza del Popolo migliaia di persone per chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio. Oggi, a dieci mesi di distanza, per tastare il polso del Popolo Viola piemontese basta collegarsi alla pagina ufficiale del No Berlusconi Day Piemonte su Facebook (http://www.facebook.com/pages/No-Berlusconi-Day-Piemonte/315013220028). Speranze, proposte, critiche e controinformazione, nella bacheca del gruppo si legge questo e altro. «Per me l’obiettivo non è abbattere Berlusconi o chicchessia» scrive Pat «per me la speranza è cambiare in meglio le nostre vite, il nostro Paese, con le idee e soprattutto con i comportamenti che devono essere coerenti con le idee». C’è poi chi posta un articolo de Il Sole 24 Ore sul tema del lavoro, e chi una frase di Che Guevara. Qualcun altro ricorda che ieri era il compleanno del premier, il grande nemico: «Buon compleanno! Abbiamo fatto una colletta per regalarti un biglietto di sola andata per Hammamet». Nel complesso è l’ironia a farla da padrona e guardando il teatrino politico gli spunti non mancano di certo. Così l’interpretazione leghista dell’S.P.Q.R romano, diventa per i Viola piemontesi un “Sono Padre di Questo Rimbambito”, riferito al figlio di Umberto Bossi, l’ormai celebre Trota. Gettonatissimo è soprattutto il video del duro intervento di Antonio Di Pietro alla Camera nel giorno del voto di fiducia al governo: «Di Pietro i love you!». Ma dopo fiumi di parole, alla fine il tentativo di far cadere Berlusconi a Montecitorio è nuovamente fallito. Ai Viola piemontesi non rimane quindi che ritrovare in fretta l’entusiasmo per salire sul pullman diretto a Roma.
.
.

 – Pagina, 30/09/2010

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Torino e Piemonte e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.