Da New York a Bologna: le Cimici dei letti ricolonizzano l’Europa (Ecoinchiesta)

bedbug1_388434a

I greci le chiamavano Koris, i romani Cimex: le Cimici dei letti  sono degli insetti  di colore rosso scuro che possono misurare dai 6 agli 8 millimetri. A differenza dei pidocchi non vivono sull’uomo, ma avendo comunque bisogno di una temperatura piuttosto alta per compiere il loro ciclo vitale si insediano d’inverno in luoghi riscaldati.
Le Cimici dei letti  sono animaletti straordinariamente resistenti. Possono sopravvivere a lungo anche in assenza di cibo, nascoste nelle fessure dei muri, tra le screpolature dei mobili o sotto i tappeti, pronte a saltar fuori nel momento più propizio, soprattutto d’estate. Attaccano furtivamente seguendo l’olfatto e la temperatura corporea della vittima, spesso un essere umano, e la colpiscono nel letto succhiandole il sangue lì dove la pelle è sottile: il collo, le gambe, i polsi.
Fino a quindici anni fa si era pensato che le cimici fossero state definitvamente debellate dall’uso massiccio del DDT, invece sono riapparse inaspettatamente  in Australia, in Canada e negli Stati Uniti, paese in cui la loro ingombrante presenza sta superando i livelli di guardia.
Nel 2004 sono stati segnalati 537 casi di abitazioni infestate dalle cosiddette bed bugs nella sola New York, saliti poi veritiginosamente fino  ad arrivare agli 11.000 casi del 2009. Sono dati che fanno intendere la portata del fenomeno ed il perché le invadenti creaturine siano divenute protagoniste di interi articoli su importanti giornali come  il New York Magazine  e Le Figaro.
Il Time ha raccontato invece la disavventura capitata ad un suo giornalista che, lontano un oceano dalla Statua della Libertà, ha ritrovato a sorpresa le sue odiate compagne di letto nella nostra Bologna. Già, perché una cosa è certa: adesso, dopo l’America e l’Oceania,  le cimici stanno cercando di ricolonizzare l’Europa. Tra le cause di questa nuova invasione c’è il divieto di utilizzo di alcuni pesticidi e l’aumento del commercio con i paesi tropicali dove le bed bugs non sono mai scomparse.
Ora liberarsi di questa vecchia conoscenza non sarà facile. La capacità delle Cimici dei letti di annidarsi nei posti più impensati le rende difficilmente raggiungibili persino dagli insetticidi chimici. Se tuttavia l’impresa di scovarle riesce, rimangono quasi sempre le uova, protette da un guscio molto resistente. Non resta quindi che prepararci ad una nuova, estenuante, guerra di logoramento.

 – Ecoinchiesta, 16/05/2012

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.